Consulenza gratuita

800 901 900

Se vuoi chiamiamo noi

L'IMU - Imposta Municipale Unica: informazioni e guida completa

Trova il tuo mutuo

€ 

Guide Mutui
Guide Mutui
L'IMU - Imposta Municipale Unica: informazioni e guida completa

L'IMU - Imposta Municipale Unica: informazioni e guida completa

L'IMU: cos'è e chi deve pagarla, come si calcola e le scadenze previste per i pagamenti

Scheda Pratica di
Ultimo aggiornamento:

Che cos'è l'IMU

L'Imposta Municipale Unica (IMU) nasce dalla fusione dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in misura dei redditi fondiari relativi ai beni non locati, con l'imposta comunale sugli immobili (ICI). Il Governo Monti ha profondamente modificato la natura dell'imposta, rendendola di fatto una nuova ICI sugli immobili ed anticipandone l'introduzione, in via sperimentale, a partire dal 2012, per far sì che l'applicazione a regime scattasse dal 2015.

Nel 2013, il governo Letta, ha inizialmente sospeso il pagamento della prima rata dell'IMU sulle prime case non di lusso e successivamente ha stanziato i fondi per coprire l'intera IMU 2013 sulle prime case. La copertura stanziata ha coperto solo l'IMU all'aliquota base dello 0,4%. Tutti i cittadini residenti in comuni che hanno stabilito per il 2013 un’aliquota IMU sulla prima casa superiore allo 0,4% hanno dovuto sostenere la spesa per la differenza entro il mese di gennaio 2014: la cosiddetta Mini-IMU.

A partire dal 2014 l'IMU sulla prima casa è stata di fatto abolita, per cui non ne è più richiesto il pagamento, rimane in vigore solo per le seconde case.

Chi deve pagare l'IMU

La nuova imposta interessa i proprietari di tutti gli immobili sia residenziali che commerciali non adibiti a prima casa. Viene calcolata su qualsiasi tipologia di immobile: seconde case, fabbricati (anche rurali sia di uso abitativo che strumentale), aree fabbricabili e terreni, oltre alle pertinenze degli stessi.

Il calcolo della base Imponibile

Per calcolare la base imponibile si parte dalla rendita catastale dell'immobile; quest'ultima, risultante dall'atto di acquisto o disponibile presso l'Agenzia del Territorio, va rivalutata del 5% e, successivamente, moltiplicata per un coefficiente che, nel caso di abitazioni e pertinenze (cantina, soffitta, box auto) è pari a 160. La cifra che si ottiene rappresenta la base imponibile, cioè il valore dell'immobile su cui si calcola in percentuale l'imposta. È previsto un taglio del 50% della base imponibile per fabbricati di interesse storico o artistico e per fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e quindi non utilizzabili, limitatamente al periodo nel quale sussistono queste condizioni.

Le aliquote IMU

Il governo ha stabilito un'aliquota standard per le seconde case: 0,76%. La legge, tuttavia, stabilisce che le aliquote di base possano essere modificate dalle singole amministrazioni comunali con delibera del consiglio comunale.

Esempi di calcolo dell'imposta

Andando nel dettaglio è possibile fare alcuni esempi. Prendiamo il caso del signor Bianchi che vive con la moglie nell'appartamento di proprietà di quest'ultima, pur avendo un'altra sua casa di proprietà nello stesso comune, la cui rendita catastale è pari a 1.500 Euro. In questo caso di Imu dovrà pagare: 1.500 x 1,05 (rivalutazione) x 160 (coefficiente di maggiorazione) x 0,76% (aliquota per le seconde case) = 1.915,20 Euro. Per ottenere una prima stima di quale sarà l'importo dell'IMU da pagare per il tuo immobile di proprietà, utilizza il nostro calcolatore Calcolo IMU.

Le scadenze per i pagamenti

Per quanto concerne il pagamento, il contribuente può pagare l'Imu in due rate: la scadenza del primo acconto è fissata annualmente verso la metà del mese di giugno, mentre il saldo finale andrà corrisposto entro la metà del mese di dicembre.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo

© 2010-2017 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora