Miglior mutuo a tasso variabile

Che cos’è il mutuo a tasso variabile con "cap" o con "tetto massimo"?

Si tratta di un mutuo a tasso variabile – indicizzato Euribor – con una sorta di "rete di sicurezza" che protegge il mutuatario da rialzi eccessivi dei tassi di mercato. Tale meccanismo consiste nella previsione contrattuale di un limite oltre il quale il tasso di interesse non può salire, a prescindere dall'andamento del mercato. In pratica, avremo un mutuo con rata variabile che potrà diminuire in caso di ribasso dei tassi e salire nell'ipotesi di un rialzo, ma solo fino al valore rappresentato dal "CAP". Questa garanzia ovviamente ha un costo e generalmente i mutui a tasso variabile con CAP presentano uno spread più alto rispetto al variabile puro.

Il mutuo a tasso variabile con CAP rappresenta quindi una soluzione interessante per quei mutuatari che cercano un compromesso fra la stabilità del tasso fisso e i possibili vantaggi economici del tasso variabile in termini di minor peso della rata. Il tetto massimo definito nel contratto consente al mutuatario di conoscere sin dalla firma del contratto l'importo massimo della rata mensile durante tutto il piano di rimborso.

Affinché il mutuo con CAP offra un reale beneficio al mutuatario è necessario che:
  • il tetto massimo fissato contrattualmente risulti ragionevolmente raggiungibile nel corso del periodo di rimborso del mutuo; una soglia troppo elevata, di fatto non raggiungibile, risulterebbe di scarsa utilità e comporterebbe unicamente un aggravio dei costi;
  • lo spread applicato sia di poco superiore a quello previsto per il variabile puro. Di solito il CAP comporta una maggiorazione dello spread compresa fra lo 0,30 e lo 0,50%, oltre questo limite la protezione rischia di risultare eccessivamente onerosa ed annullare i potenziali vantaggi della garanzia. In linea generale, si deve considerare che il costo del CAP sarà rapportato al tetto massimo fissato: ad un tetto più basso corrisponderà uno spread più alto e viceversa. Ciò si verifica perché nel momento in cui concede un mutuo con CAP, la stessa banca dovrà acquistare sul mercato finanziario prodotti a "protezione" del rialzo dei tassi - il cui costo aumenta con l'abbassarsi del CAP - per tutelarsi adeguatamente dal rischio di applicazione del CAP sul contratto di mutuo erogato.
Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile

Top 5 Banche per Servizio

MutuiSupermarket Choice
CLASSIFICA BANCHE PER SERVIZIO

Il mutuo a tasso variabile

I mutui a tasso variabile prevedono una rata che muta mensilmente in funzione dell’andamento dei mercati finanziari: il tasso di interesse applicato è determinato sommando uno spread determinato contrattualmente ad un indice di riferimento finanziario (l’Euribor), che naturalmente varia periodicamente.

I mutui a tasso variabile, quindi, rappresentano una soluzione ideale per coloro che cercano di trarre il massimo vantaggio dalle dinamiche dei mercati, sfruttando al massimo i periodi con tassi di interessi bassi per risparmiare sulla spesa per interessi. Tuttavia, chi sceglie un mutuo a tasso variabile deve dimostrare una discreta propensione al rischio, infatti in caso di aumento dell’indice Euribor, il mutuatario dovrà essere sempre in grado di rispettare in termini di rimborso previsti dal contratto nonostante un aumento dell’importo della rata.

I mutui a tasso variabile sono attualmente i più richiesti dal mercato e MutuiSupermarket ha selezionato per te i prodotti di mutuo a tasso variabile più richiesti della settimana e gli istituti bancari con le offerte più convenienti di mutui a tasso variabile per acquisto della prima casa o per surrogare il vecchio mutuo.

APPROFONDIMENTO
Che cos’è il mutuo a tasso variabile con "cap" o con "tetto massimo"?
Si tratta di un mutuo a tasso variabile – indicizzato Euribor – con una sorta di "rete di sicurezza" che protegge il mutuatario da rialzi eccessivi dei tassi di mercato. Tale meccanismo consiste nella previsione contrattuale di un limite oltre il quale il tasso di interesse non può salire, a prescindere dall'andamento del mercato. In pratica, avremo un mutuo con rata variabile che potrà diminuire in caso di ribasso dei tassi e salire nell'ipotesi di un rialzo, ma solo fino al valore rappresentato dal "CAP". Questa garanzia ovviamente ha un costo e generalmente i mutui a tasso variabile con CAP presentano uno spread più alto rispetto al variabile puro.

Il mutuo a tasso variabile con CAP rappresenta quindi una soluzione interessante per quei mutuatari che cercano un compromesso fra la stabilità del tasso fisso e i possibili vantaggi economici del tasso variabile in termini di minor peso della rata. Il tetto massimo definito nel contratto consente al mutuatario di conoscere sin dalla firma del contratto l'importo massimo della rata mensile durante tutto il piano di rimborso.

Affinché il mutuo con CAP offra un reale beneficio al mutuatario è necessario che:
  • il tetto massimo fissato contrattualmente risulti ragionevolmente raggiungibile nel corso del periodo di rimborso del mutuo; una soglia troppo elevata, di fatto non raggiungibile, risulterebbe di scarsa utilità e comporterebbe unicamente un aggravio dei costi;
  • lo spread applicato sia di poco superiore a quello previsto per il variabile puro. Di solito il CAP comporta una maggiorazione dello spread compresa fra lo 0,30 e lo 0,50%, oltre questo limite la protezione rischia di risultare eccessivamente onerosa ed annullare i potenziali vantaggi della garanzia. In linea generale, si deve considerare che il costo del CAP sarà rapportato al tetto massimo fissato: ad un tetto più basso corrisponderà uno spread più alto e viceversa. Ciò si verifica perché nel momento in cui concede un mutuo con CAP, la stessa banca dovrà acquistare sul mercato finanziario prodotti a "protezione" del rialzo dei tassi - il cui costo aumenta con l'abbassarsi del CAP - per tutelarsi adeguatamente dal rischio di applicazione del CAP sul contratto di mutuo erogato.

Miglior Mutuo Variabile per Acquisto Casa

miglior mutuo
BancaTassoRataTAEG
0,64% (Eur 1M + 1,10%) € 505,37 0,80%
0,66% (Eur 6M + 1,00%) € 506,60 0,82%
0,74% (Eur 1M + 1,20%) € 511,56 0,86%

Miglior Mutuo Variabile per Surroga

miglior mutuo
BancaTassoRataTAEG
0,64% (Eur 1M + 1,10%) € 505,37 0,72%
0,66% (Eur 6M + 1,00%) € 506,60 0,74%
0,74% (Eur 1M + 1,20%) € 511,56 0,79%

Il mutuo a tasso variabile con Cap

Nel mutuo a tasso variabile con cap, il tasso di interesse applicato per il calcolo della quota interessi mensile varia in funzione dell’andamento dei mercati finanziari, ma non può superare il tetto massimo contrattualmente previsto ed è proprio questo tasso massimo che viene definito cap.

MutuiSupermarket ha selezionato per te i mutui a tasso variabile con cap più richiesti della settimana e la banche con le offerte più convenienti di mutui a tasso variabile con cap per l’acquisto della prima casa e per la surrogazione del tuo vecchio mutuo.

Miglior Mutuo Variabile con Cap per Acquisto Casa

miglior mutuo
BancaTassoRataTAEG
0,86% (Eur 3M + 1,27%) € 518,92 1,05%
0,96% (Eur 6M + 1,30%) € 525,34 1,12%
0,99% (Eur 3M + 1,40%) € 527,11 1,13%

Miglior Mutuo Variabile con Cap per Surroga

miglior mutuo
BancaTassoRataTAEG
0,86% (Eur 3M + 1,27%) € 518,92 0,93%
0,96% (Eur 6M + 1,30%) € 525,34 1,04%
0,99% (Eur 3M + 1,40%) € 527,11 1,06%

Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) è un Indice Sintetico di Costo che rappresenta il costo percentuale complessivo del mutuo. E’ la misura più completa del costo del finanziamento in quanto include, oltre agli interessi, anche tutte le spese, le imposte e gli oneri obbligatori di cui è necessario farsi carico per ottenere il mutuo.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2019 FairOne S.p.A. - P. IVA 06936210969 
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora