Acquistare casa è un passo importante: il mutuo migliore?

News mutui
News mutui
Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile
Acquistare casa è un passo importante: il mutuo migliore?
Condividi su:
di
Acquistare casa è un passo importante: il mutuo migliore?

Nel periodo di crisi economica gli acquisti di nuove case in Italia erano crollati, fino al 50% in meno nel 2007, rispetto ai valori dell’anno precedente. Fortunatamente dal 2014 le cifre sono tornate in positivo: L’osservatorio sul mercato immobiliare dell’agenzia delle Entrate ci mostra come un numero crescente di italiani ricorre all’accensione di un mutuo per acquistare la prima casa. Nel 2016 quasi il 60% delle abitazioni acquistate nel nostro Paese sono state pagate tramite un mutuo ipotecario.
Il perché di una situazione del genere? In effetti non ci si deve stupire della realtà odierna. 
Nel periodo pre-crisi infatti il costo medio di un’abitazione era aumentato in modo spropositato, fino in alcuni casi a raddoppiare. Anche se negli ultimi anni il valore degli immobili è diminuito, o rimasto fermo, la realtà di questo mercato evidenzia come la gran parte degli immobili siano ancora oggi in vendita a cifre elevate rispetto a quanto si può permettere una famiglia. 
Inoltre oggi i tassi di interesse sono ai livelli più bassi di sempre: non è difficile trovare mutui ipotecari per l’acquisto della prima casa con interessi intorno al 2% annuo. L’insieme di questi due diversi dati porta molte persone a decidere per il mutuo, non solo quando la disponibilità economica non sarebbe sufficiente a coprire l’intero importo della spesa per la casa, ma anche quando il capitale ci sarebbe. 
In pratica, anche chi ha fondi sufficienti per pagare la nuova abitazione in contanti preferisce accendere un mutuo, per poter avere maggiore liquidità in banca, a sua totale disposizione, o anche per utilizzare questa liquidità in vari modi, ad esempio per investimenti in ambito finanziario.
Come scegliere il mutuo? Oggi l’offerta di mutui degli istituti di credito italiani è del resto molto ampia e interessante. La scelta del mutuo, nella maggior parte dei casi, è per il tasso fisso, cercando così di approfittare di un tasso di interesse basso anche nel futuro, quando le percentuali potrebbero cambiare e spostarsi verso l’alto. 
Sono ancora pochi gli italiani che accendono un mutuo a tasso variabile, anche se al momento si tratta dei finanziamenti con condizioni più interessanti, con interessi inferiori speso al 2% annuo. Si tratta di poter comprare casa pagando la cifra totale nel corso di molti anni, senza dovervi aggiungere quantità di denaro eccessive per saldare il conto degli interessi.
Le offerte sono interessanti. Alcune banche propongono anche particolari offerte, che possono essere utili per chi pensa al futuro. Ad esempio, ci sono proposte di mutuo che consentono di saltare, periodicamente, una singola rata, in modo da non dover sborsare varie centinaia di euro nel corso di un mese ricco di altre spese, allungando però leggermente la durata dal periodo di ammortamento. 
Oppure sono disponibili mutui che permettono di approfittare di una rata molto bassa oggi, per poterla poi aumentare nel corso degli anni; questo tipo di proposta è interessante soprattutto per i giovani, che possono contare su vari avanzamenti di carriera nel corso degli anni.
E diciamolo, pagare con un mutuo concede qualche agevolazione fiscale: l’Iva agevolata al 4% anziché al 10%; l’imposta di registro al 3% anziché al 7%; l’imposta sostitutiva sull'acquisto allo 0,25% sull'importo del mutuo anziché del 2%; le imposte ipotecaria e catastale fisse a 168 euro l’una anziché rispettivamente al 2% e all’1% dell’importo di acquisto; se il Comune lo prevede, la detrazione della Tasi (la tassa comunale sui servizi); la detrazione fiscale degli interessi passivi del mutuo nella misura del 19%. 
Si possono portare in detrazione anche le spese di istruttoria e della perizia bancaria, le imposte pagate sul mutuo e la spesa per il notaio. Il tutto entro un tetto massimo di 4.000 euro (quindi si recuperano 760 euro).
C’è anche un altro tipo di vantaggio, se vogliamo più «emozionale». In altre parole, una volta che è stata fissata la rata del mutuo, quei soldi si mettono da parte e si sa quello che resta per pagare la spesa al supermercato, il trasporto per andare al lavoro, la scuola dei figli, le bollette, ecc. Il consumatore fissa un orizzonte temporale entro il quale dovrà pagare a rate l’acquisto di una casa.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2019 FairOne S.p.A. - P. IVA  
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora