Consulenza gratuita

800 901 900

Se vuoi chiamiamo noi

Condividi su:

Casa, prosegue la crescita del mercato

Trova il tuo mutuo

€ 

News mutui
News mutui
Casa, prosegue la crescita del mercato

Casa, prosegue la crescita del mercato

Casa, prosegue la crescita del mercato
cornice immagine news


Casa  dolce casa... il mattone è un investimento sicuro per gli italiani che verso gli immobili hanno sempre mostrato una grande predilezione. Nel corso del 2016, secondo uno studio realizzato dall’Osservatorio Congiunturale di ANCE, il mercato immobiliare italiano ha registrato 520 mila compravendite sul territorio nazionale. I buoni risultati registrati sono anche il frutto delle condizioni economiche favorevoli derivanti dai bassi tassi di interesse sui mutui e dai prezzi immobiliari rimasti a livelli bassi, favorendo gli acquisti ma anche le vendite da parte di chi, pur realizzando meno di quanto sperato, è riuscito a cedere l’immobile realizzando un incasso che, diversamente avrebbe realizzato chissà quando.

Cosa accadrà quest’anno? Le prospettive per il 2017 sono ancora buone: sempre secondo l’ANCE, quest’anno si potrebbe facilmente arrivare a 550 mila transazioni immobiliari, assistendo quindi ad un’ulteriore crescita del mercato. La decisione della BCE di lasciare invariati i tassi di interesse indurrà molte persone ad approfittare della condizione favorevole per acquistare casa, prima che la stessa Banca Centrale decida di aumentare i tassi rendendo meno convenienti i mutui. Difatti, la corsa al ribasso che nel 2015  nel 2016 ha sollevato il morale di tutti si avvia verso una frenata. Se negli ultimi anni gli istituti di credito si impegnati ad abbassare gli spread per essere concorrenziali, questo trend potrebbe essere quasi a fine corsa. 

Forse questo nuovo anno non sarà così in discesa come lo scorso anno, con i tassi di interesse ai minimi storici e con le banche che presentano ai clienti soluzioni straordinariamente vantaggiose. I tassi di interesse  rischiano di subire ripercussioni. È vero che è stato confermato dalla BCE il Quantitative easing, ma ad oggi sicuramente il costo del denaro è nettamente superiore, ciò vuol dire che l’Eurirs si sarebbe alzato di oltre mezzo punto, passando da un minimo storico durato venti anni dello 0,73% all’1,26% dello scorso anno. In ogni caso l’aumento riguarderà solamente i mutui stipulati nel 2017, incremento che potrebbe aggirarsi intorno ai 30 o ai 40 euro al mese.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2017 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora