Consulenza gratuita

800 901 900

Se vuoi chiamiamo noi

Condividi su:

Case: giovani italiani meno proprietari e più appoggiati alla famiglia

Trova il tuo mutuo

€ 

News mutui
News mutui
Case: giovani italiani meno proprietari e più appoggiati alla famiglia

Case: giovani italiani meno proprietari e più appoggiati alla famiglia

Case: giovani italiani meno proprietari e più appoggiati alla famiglia
cornice immagine news


Un recente sondaggio del Censis sulla situazione abitativa italiana evidenzia come le giovani generazioni non dispongano oggi di mezzi sufficienti per divenire proprietarie degli immobili in cui vivono. La crisi sempre più forte del mercato immobiliare dipende anche da questo, con transazioni da parte degli under 35 ai minimi storici. In questo contesto l'affitto ricopre ancora un ruolo chiave: è infatti molto diffuso, soprattutto tra le famiglie giovani che risiedono in Lombardia, Piemonte e Liguria (50%) e nel Centro Italia (39,3%), mentre nel Nord-Est e nel Mezzogiorno si registrano con maggior frequenza casi di famiglie più giovani che vivono in abitazioni che appartengono a un parente e che quindi di fatto si appoggiano al patrimonio della famiglia allargata.

Molto dipende dalla dimensione demografica del comune di residenza. Nei centri di dimensioni più contenute, fino a 30.000 abitanti, l'accesso alla proprietà appare meno problematico per le famiglie più giovani (il dato sfiora il 60%), così come è più frequente che si realizzino meccanismi di supporto abitativo da parte della famiglia allargata (quasi il 9% dei casi nei centri fino a 30mila abitanti). Il quadro cambia significativamente nelle grandi città, in cui in cui il 47,5% delle famiglie con persona di riferimento fino a 40 anni vive in affitto, il 49,2% in una casa di proprietà e la disponibilità di una casa della famiglia rappresenta una fattispecie poco frequente (1,6%).

Situazione diversa in Europa, dove i giovani trovano condizioni migliori, tanto che per essi sono disponibili contratti d'affitto a prezzo calmierato che riguardano il 28,7% dei trentenni in Francia e il 13,8%, nel Regno Unito, mentre in Italia il canone concordato viene concesso solo nel 7,8% dei casi. Il modello italiano resta quello più improntato alla famiglia, visto che il 18% dei trentenni, secondo l'indagine Eu-Silc, abita in un alloggio di proprietà dei familiari, contro il 6,3% in Francia e l'1,2% nel Regno Unito.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2016 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora