Consulenza gratuita

800 901 900

Se vuoi chiamiamo noi

Condividi su:

Mutui a tasso variabile con cap: attenzione al costo della protezione

Trova il tuo mutuo

€ 

News mutui
News mutui
Mutui a tasso variabile con cap: attenzione al costo della protezione

Mutui a tasso variabile con cap: attenzione al costo della protezione

Mutui a tasso variabile con cap: attenzione al costo della protezione
cornice immagine news


Prosegue il trend di crescita della domanda di mutui a tasso variabile con cap o tetto massimo. Il lento ma continuo aumento dell’Euribor (l’indice che caratterizza la quasi totalità dei mutui a tasso variabile) ha ingenerato, in chi si appresta a contrarre un mutuo per l’acquisto dell’abitazione, l’esigenza di protezione dall'aumento degli interessi oltre un certo livello.

Non sempre tuttavia questa soluzione è la più conveniente per il cliente. Da qualche mese, il livello del tetto massimo si sta innalzando; oggi siamo mediamente al 5,7% con punte anche oltre il 6%. Se con uno spread all'1,7% e un rialzo degli Euribor sopra al 4% è possibile prefigurare tassi variabili finali oltre la soglia del cap, è sempre bene domandarsi per quanto tempo potranno restarci. Il dubbio è che la protezione possa essere esercitata solo per un periodo esiguo, tale da non ammortizzare lo 0,50% in più di spread che un variabile con cap costa oggi mediamente in più rispetto a un variabile puro.

Un'altra considerazione da farsi è che la quota di interessi sui mutui incide molto di più nei primi anni e quindi l'esercizio del cap può essere importante solo per i primi 10-15 anni di un mutuo medio a 25 anni. Negli anni successivi, la rata, poiché composta principalmente da quota capitale, subirà in misura minore la dinamica dei tassi.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2016 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora