Consulenza gratuita

800 901 900

Se vuoi chiamiamo noi

Condividi su:

Tasso misto: una soluzione al rincaro del tasso variabile

Trova il tuo mutuo

€ 

News mutui
News mutui
Tasso misto: una soluzione al rincaro del tasso variabile

Tasso misto: una soluzione al rincaro del tasso variabile

Tasso misto: una soluzione al rincaro del tasso variabile
cornice immagine news


Nonostante il rincaro dei tassi variabili, con l'indice Euribor 3 mesi all’1,56%, le scelte di chi sta pianificando l'accesione di un mutuo si stanno orientando nuovamente verso i variabili tradizionali. Sul medio/lungo periodo, secondo gli esperti, la scelta del tasso variabile potrebbe essere ragionevole, in quanto si hanno i margini per assorbire i nuovi aumenti.

Un’alternativa al tasso variabile tradizionale, data dal fatto che sul mercato dei capitali i tassi da 1 a 3 anni sono rimasti bassi, potrebbe esser data dal tasso misto con opzione, che consente di esercitare una migrazione tra fisso e variabile a periodi predeterminati oppure a scelta del cliente. Il grande vantaggio è che in genere i periodi a tasso fisso sono ancorati all'Eurirs di periodo e questo consente di fermare la rata a un livello ragionevolmente basso.

Ad esempio, un mutuo che consente di esercitare l'opzione ogni due anni permette di scegliere tra l'Euribor 3 mesi +1,50% di spread se si sceglie di partire con il tasso variabile e l'Eurirs 3 anni +1,50% in caso di partenza a tasso fisso. Nel primo caso, si partirebbe con un tasso variabile del 3,06% e nel secondo con un tasso fisso del 3,72%. Sette decimi di differenza sono un costo accettabile per chi non vuole correre rischi eccessivi e non vuole oggi prendere una decisione definitiva per la scelta dei tassi.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2016 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora