Mutuo INPS (ex INPDAP): requisiti

Per dipendenti della pubblica amministrazione

Mutuo INPS a tassi agevolati e agevolazioni fiscali sul mutuo prima casa

Sei alla ricerca di un mutuo INPS che possa offrirti un tasso agevolato, fisso o variabile che sia. Ricordati anche che per i mutui destinati all'acquisto della prima casa potrai beneficiare di importanti agevolazioni fiscali:
  • imposta sostitutiva: l'imposta a cui sono soggetti tutti i mutui, gode di un'aliquota ridotta allo 0,25% dell'importo del mutuo, nel caso di acquisto prima casa; nel caso in cui il mutuo sia stato accesso invece per l'acquisto di un immobile diverso dalla prima casa l'imposta sostitutiva viene calcolata con un'aliquota del 2%
  • detrazione interessi passivi del mutuo: in caso acquisto prima casa, gli interessi pagati annualmente sono oggetto di detrazione dall'IRPEF, con una aliquota del 19% entro il limite di 4.000 euro annuali; verifica il risparmio di imposta con il nostro calcolatore delle detrazioni sugli interessi del mutuo

Top 5 Mutui Acquisto

MutuiSupermarket Choice
PIÙ RICHIESTI
1
Mutuo Domus Fisso Intesa Sanpaolo - Tasso Fisso
2
Mutuo Fisso Webank - Tasso Fisso
3
Credem Fisso Credem - Tasso Fisso
4
Mutuo Base Cariparma - Tasso Fisso
5
Mutuo Domus Variabile Intesa Sanpaolo - Tasso Variabile
Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile

Top 5 Banche per Servizio

MutuiSupermarket Choice
CLASSIFICA BANCHE PER SERVIZIO
GUIDA PRATICA

Tutto quello che devi sapere sul mutuo INPS 2019 per dipendenti pubblici, dai requisiti alle condizioni per la surroga

- di | 7 febbraio 2019

# 1 - Mutui INPS (ex INPDAP): caratteristiche e requisiti per richiederli

I mutui INPDAP o anche mutui INPS per ex INPDAP (l'INPDAP dal 2011 è infatti parte dell'INPS, il principale organo nazionale di previdenza sociale) sono semplici mutui per l'acquisto casa o surroga di mutuo esistente che possono essere concessi dall'INPS ai dipendenti pubblici regolarmente iscritti alla "Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali" nei limiti delle disponibilità di bilancio annuale dell'ente.

Possono richiedere il mutuo INPS a tassi agevolati i dipendenti pubblici iscritti all'INPS che non risultano proprietari di un'altra abitazione in tutto il territorio nazionale, con le seguenti eccezioni:
  • iscritto proprietario di abitazioni ricevute per donazione iter vivos o per successione mortis causa, ma le stesse non risultano fruibili in quanto già gravate da diritti reali di godimento (usufrutto, uso, abitazione) da almeno 5 anni;
  • iscritto proprietario di abitazioni in misura pari o inferiore al 50% di ciascuna di esse, anche se non gravate da diritti reali di godimento;
  • iscritto, proprietario di un'abitazione, rimasto privo della stessa a causa di provvedimento giudiziale di separazione e di assegnazione nella disponibilità dell'altro coniuge;
  • abitazione di proprietà dell'iscritto attestata come inagibile dall'autorità competente, a seguito di eventi imprevedibili dipendenti da calamità naturali;
  • iscritto comproprietario di un'abitazione con soggetti estranei al proprio nucleo familiare e richiede il mutuo per rilevare le quote altrui, così da conseguire la titolarità piena ed esclusiva dell'immobile adibito o da adibire a casa di prima abitazione.
APPROFONDIMENTO
Mutuo INPS a tassi agevolati e agevolazioni fiscali sul mutuo prima casa
Sei alla ricerca di un mutuo INPS che possa offrirti un tasso agevolato, fisso o variabile che sia. Ricordati anche che per i mutui destinati all'acquisto della prima casa potrai beneficiare di importanti agevolazioni fiscali:
  • imposta sostitutiva: l'imposta a cui sono soggetti tutti i mutui, gode di un'aliquota ridotta allo 0,25% dell'importo del mutuo, nel caso di acquisto prima casa; nel caso in cui il mutuo sia stato accesso invece per l'acquisto di un immobile diverso dalla prima casa l'imposta sostitutiva viene calcolata con un'aliquota del 2%
  • detrazione interessi passivi del mutuo: in caso acquisto prima casa, gli interessi pagati annualmente sono oggetto di detrazione dall'IRPEF, con una aliquota del 19% entro il limite di 4.000 euro annuali; verifica il risparmio di imposta con il nostro calcolatore delle detrazioni sugli interessi del mutuo

# 2 - Importi, durata e condizioni

I mutui INPS sono offerti sia a tasso fisso che variabile e la durata può variare fra i 5 e i 30 anni, con il limite di 15 anni per i mutuatari over 65. Particolarità del piano di rimborso di un mutuo INPS è il rimborso con rate trimestrali, quando normalmente il rimborso di un mutuo standard avviene con pagamento di rate mensili.

L'iter classico
di richiesta
I semplici passi per
ottenere un mutuo
L'importo massimo richiedibile del mutuo INPS è di 300.000 euro per mutuo acquisto casa e 150.000 euro per mutuo di ristrutturazione, l'importo ad ogni modo non può mai superare il 100% del valore di perizia dell'immobile, più un massimo di 5.000 euro per le spese. I tassi di interesse offerti sono stabiliti con delibera del Consiglio di Amministrazione dell'INPS.

All'atto della domanda, gli iscritti devono essere in attività (non pensionati) e devono essere titolari di un contratto a lavoro a tempo indeterminato. Non si potrà avere la concessione del mutuo se l'importo delle rate da pagare annualmente - comprensive degli interessi - supera la metà del reddito annuo imponibile del nucleo familiare.

# 3 - La richiesta di mutuo INPS e la graduatoria

Il nuovo regolamento mutui INPS per ex INPDAP prevede l'invio della domanda di mutuo via telematica attraverso il sito dell'INPS accedendovi tramite PIN o SPID. L'invio è aperto sino al prossimo 10 ottobre 2019.

Entro 2 giorni lavorativi dall'invio della richiesta di mutuo INPS sul portale, l'iscritto troverà nella propria area personale online l'esito della richiesta, dopodichè, in caso di esito positivo, potrà procedere con l'invio della richiesta di mutuo INPS corredata di tutta la documentazione richiesta sul sito internet istituzionale (www.inps.it).

Le domande di mutuo INPS vengono ammesse all'istruttoria secondo l'ordine cronologico di arrivo; nel caso di un'eccedenza delle richieste di mutuo rispetto al budget finanziario annuale stanziato dall'ente, le domande di mutuo sono considerate in base a una graduatoria stilata sulla base dei seguenti criteri:
  • composizione del nucleo familiare: punti 5 per ogni componente; punti 8 per ogni componente portatore di handicap grave; punti 3 per il richiedente che abbia contratto matrimonio da non oltre 3 anni;
  • reddito familiare imponibile: punti 30 per reddito fino a 25.000 euro; punti 24 per reddito da 25.000 euro a 35.000 euro; punti 18 per reddito da 35.000 euro a 45.000 euro; punti 12 per reddito da 45.000 euro a 55.000 euro; punti 6 per reddito da 55.000 euro a 65.000 euro.

A parità di punteggio, la priorità è stabilita in base all'anzianità di iscrizione alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali; in caso di ulteriore parità sarà applicato il criterio dell'ordine cronologico di arrivo delle domande di mutuo.

# 4 - Il Mutuo INPS per la Surroga

L'INPS concede i propri mutui agevolati non solo per l'acquisto della prima casa, ma anche per surrogare un mutuo precedentemente acceso per l'acquisto dell'abitazione principale.

Molti dipendenti statali, per ovviare alla lunghezza dei tempi di assegnazione dei mutui INPS, decidono di sottoscrivere un mutuo erogato da una banca tradizionale per poi estinguerlo con un mutuo surroga INPS. In questo caso, oltre ai requisiti sopra descritti, l'INPS richiede che l'iscrizione ipotecaria del mutuo da surrogare sia pari al doppio dell'importo del mutuo.
Trova il migliore mutuo per l'acquisto prima casa Cerca
Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2019 FairOne S.p.A. - P. IVA 06936210969 
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora