Bussola Mutui CRIF - MutuiSupermarket

Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile
Bussola Mutui CRIF - MutuiSupermarket
Condividi su:
NOTIZIE MUTUO
- di |
Bussola Mutui CRIF - MutuiSupermarket

Il 15 aprile scorso, è stata pubblicata la  prima “Bussola Crif“ del 2020.
La Bussola CRIF è un bollettino trimestrale nato dalla collaborazione di “mutuisupermarket” con CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria) una società privata che gestisce le informazioni finanziarie in merito a debiti e crediti dei soggetti censiti.
Le due società analizzano i dati ufficiali sull’andamento immobiliare e dei mutui, creando un documento ricco di informazioni, completo ed affidabile, utili sia per professionisti del settore sia per coloro che cercano maggiori informazioni per meglio orientarsi nella scelta del mutuo abitativo che intendonorichiedere. Questo report è distribuito gratuitamante a chiunque ne faccia richiesta.
Proprio come una bussola, l’analisi effettuate prende in considerazioni quattro importanti aree: domanda, richiedenti, offerta e immobili.
 
Domanda
In questo campo vengono analizzate tutte le richieste di mutuo presentate nel trimestre precedente da coloro che devono richiedere un mutuo. Per cui si esaminano queste caratteristiche: 
  • chi fa richiesta ( cittadini italiani o stranieri);
  • che finalità ha il mutuo che viene richiesto;
  • tipo di tasso prescelto ( fisso o variabile);
  • importo richiesto;
  • durata del mutuo;
  • iter della domanda;
  • percentuale mutui erogati in base al numero delle richieste.
 
Richiedenti
Questo capitolo studia i richiedenti, ovvero coloro che richiedono un mutuo e valuta: l’ area geografica (regione, città), età, professione, sesso e reddito.
 
Offerta
E’ il’area dedicata all’andamento dei mutui nell’ultimo trimestre. In questo capitolo vengono riportate tutte le oscillazione che hanno avuto i mutui in base agli indici eurirs, euribor che ne influenzano l’andamento in termini di:
  • tassi
  • sperd
  • importo della rata 
 
Immobili
Infine quest’’ultima parte delle bussola riguarda gli immobili. Analizza l’andamento delle compravendite: il numero degli immobili venduti, il prezzo di vendita e le dimensioni. Inoltre vengono conteggiati quanti mutui sono stati richiesti in base alle transazioni effettuate e quale percentuale di finanziamento è stato richiesto per ogni immobile compravenduto.
 
Questa complessa analisi è possibile grazie allo studio di numerosi dati forniti oltre che dai due firmatari (MutuiSupermarket e CRIF) da Banca d’Italia, Ministero Economia e Finanze, Agenzia delle Entrate con Osservatorio Mercato Immobiliare e dalll’Agenzia del Territorio.
 
Cosa rivela la Bussola CIF sull’andamento immobiliare e dei mutui sul primo trimenstre 2020?
 
l primo trimestre 2020 era nato sotto i migliori auspici, registrando sia un aumento dei prezzi degli immobili sia un considerevole numero di mutui erogati.
L’aumento medio, dei prezzi a metro quadro degli immobili rispetto allo stesso trimenstre dell’anno precedente, è dell’1,9% per immobili di nuova costruzione e del 2,2% per quelli usati. Aumento che non si registrava dal lontano 2012. 
Il Nord Est del nostro paese è quello che ha avuto crescita maggiore (4,2%), seguito da Sud (1,6%), Centro e Isole ( 0,9%) mentre il Nord Ovest ha continuato il trend negativoregistrato una perdida del 2%.
 
Dal punto di vista dei mutui, già il 2019 era stato un anno positivo, che mosso dalla richiesta di surroga aveva avuto un incremento del 9,3%, i primi due mesi del 2020 hanno registrato un ulteriore miglioramento del 4,3%, sia per richiesta di mutui per acquisto che per surroga.
Questi incrementi sono stati subito congelati dal lockdown imposto dalle misure per il contenimeto dell’emergenza sanitaria da Covid-19.
 
Prima della pandemia abbiamo assistito ad una forte riduzione dell’indice IRS che ha raggiunto per la prima volta livelli negativi, andando a livellare i mutui a tasso fisso con quelli variabili e andando a risvegliare la voglia di surroga in chi non l’aveva ancora richiesta.
Infatti più della metà dei mutui erogati, nei primi due mesi dell’anno, sono stati richiesti per la surroga di un mutuo già esistente.
 
Nel primo bimestre dell’anno, grazie ad uno spred vantaggioso,si sono registrati mutui, sia a tasso fisso che variabile, in diminuzione di circa 10 punti base.
Facciamo l’esempio di un’operazione mutuo: immobilie del valore di  220.000,00 euro, la richiesta mutuo 140.000,00 euro di durata ventennale, i migliori spread per mutui a tasso variabile e fisso  si riducono rispettivamente da una media dello  0,9% e 0,3% sul quarto trimestre ad una media  dello 0,8% e 0,2% sul primo trimestre 2020.
 
Da ciò si evince che nel primo bimestre 2020 sempre più famiglie, grazie all’Irs vantaggioso si sono orietate verso mutui a tasso fisso, infatti il 92% delle richieste fatte sul nostro canale on-line sono state per questo tipo di mutuo.
Tutto ciò aveva dato nuova linfa vitale ha un settore che come ben sapete stentava a riprendersi.
Poi è arrivato marzo, è stata dichiarata la pandemia, sono state prese misure ristrettive che hanno portato alla chiusura quasi totale delle attività economiche e produttive. 
Tutto ciò - ha dichiarato Stefano Rossini (amministratore delegato e fondatore di mutuisupermarket) -  ha cambiato drasticamente lo scenario e ha interrotto in maniera netta e brusca i trend positivi rilevati fra fine 2019 e inizio 2020. Le doverose misure di lockdown messe in atto dal Governo hanno  generato immediati impedimenti operativi ai normali processi di ricerca casa, inoltro richieste di mutuo in  banca e finalizzazione di atti di compravendite e pratiche di finanziamento, rinviando a data da definirsi  decine di migliaia di nuove operazioni già pianificate.[...]”
Il perdurare della crisi unito all’incertezza generale causata da questa pandemia potrebbe generare un nuovo shock al comparto immobiliare con pesanti conseguenze su compravendite e mutui, andando a colpire nuovamente un settore che già faticava a ripendersi. 
“Ci si sta rendendo conto - dichiara Stefano Magnolfi, Executive Director CRIF Real Estate  Service -  che questa  non è come le altre crisi economiche ed immobiliari osservate sino ad oggi, dall’ultima delle quali l’Italia  non si era ancora completamente ripresa. Potrebbero quindi non essere più sufficienti o adeguati i  parametri sinora utilizzati per valutare gli immobili, mettendo parzialmente in discussione i modelli  valutativi e previsionali sinora adottati.[...]”
Ovviamente quanto questa crisi inciderà sul mercato immobiliare dipenderà dal perdurare del clima di incertezza. Ma come evidenziato dallo stesso Stefano Magnolfi alcune tendenze già evidenziate lo scorso anno si andranno a consolidare fra queste l’attenzione al tema della salubrità, della  sostenibilità energetica e ambientale. Un modello rivolto allo svipuppo dell’economia Green.
Se sei interessato ad una copia della “Bussola- CRIF”  compila il modulo che trovi in questa pagina contatti  e te ne sarà inviata una copia in pdf.
 
 

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2020 FairOne S.p.A. - P. IVA 06936210969 
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora