Consulenza gratuita

800 901 900

Se vuoi chiamiamo noi

Condividi su:

BCE acquista titoli di stato: cosa cambia per i mutui

Trova il tuo mutuo

€ 

News mutui
News mutui
BCE acquista titoli di stato: cosa cambia per i mutui

BCE acquista titoli di stato: cosa cambia per i mutui

BCE acquista titoli di stato: cosa cambia per i mutui
cornice immagine news


Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi lo aveva annunciato da tempo e nei giorni scorsi sembra aver dato l’accelerata decisiva alle manovre anti-deflazione. Il Presidente Draghi ha infatti ribadito l’intenzione di adottare misure non convenzionali per far uscire il vecchio continente dalla crisi: l’acquisto di bond emessi dagli Stati sovrani dell’eurozona. Pur continuando a spronare i governi dei singoli paesi nell’attuazione di riforme strutturali necessarie nel cammino verso la crescita, Draghi è parso più che possibilista sull’eventuale ricorso al cosiddetto quantitative easing – seguendo difatto le orme tracciate dalla Federal Reserve – per consentire ai paesi in difficoltà dell’area Euro di rimettersi in marcia.

La domanda, tuttavia, sorge spontanea: quali ripercussioni ci sarebbero sui mutui? Il calo dei tassi d’interesse che si produrrebbe sui titoli di stato oggetto del quantitative easing si trasmetterebbe al costo del denaro per il consumatore finale, finendo – teoricamente - per incoraggiare le decisioni di spesa. In particolare, più che sugli investimenti delle imprese, l’aumento del prezzo dei titoli oggetto di acquisto da parte della BCE potrebbe provocare il cosiddetto “effetto ricchezza” sulla spesa delle famiglie che li posseggono: queste ultime, di conseguenza, invogliate a spendere di più data la percezione di un incremento di valore degli asset posseduti, potrebbero ricorrere al credito per investire nel mercato immobiliare, trainando verso la ripresa anche il mercato dei mutui per l’acquisto della casa.

Le principali beneficiarie dell’intervento della BCE sono le banche: sia che scelgano di cedere titoli realizzando ottime plusvalenze sia che preferiscano approfittare di condizioni favorevoli sul mercato azionario per concretizzare significativi aumenti di capitale, infatti, vedrebbero sicuramente migliorati i loro quozienti patrimoniali, con maggiori opportunità di passare le prove da sforzo (i cosiddetti ‘stress test’) cui sono periodicamente sottoposte. Bilanci bancari in ordine, quindi, aumenterebbero notevolmente la capacità e la volontà delle banche di erogare credito: i mutui, di conseguenza, potrebbero godere di condizioni nettamente migliori, vista la probabile introduzione di offerte e promozioni per aumentare in modo sensibile le richieste da parte delle famiglie.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2017 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora