Mutui prima casa: fondo di garanzia prima casa 2020

Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile
Mutui prima casa: fondo di garanzia prima casa 2020
Condividi su:
NOTIZIE MUTUO
- di |
Mutui prima casa: fondo di garanzia prima casa 2020

In questo articolo parliamo di uno strumento attivato dallo stato italiano al fine di agevolare coloro che vogliono acquistare la loro prima casa ma non hanno sufficienti garanzie per riuscire ad avere autonomamente un mutuo dalla loro banca. Questo strumento si chiama appunto “Fondo di garanzia acquisto prima casa”.

Come ben sai gli istituti bancari, prima di erogare un mutuo ad un cliente, fanno una serie di accertamenti al fine di valutare, da una parte che il cliente riesca a pagare regolarmente le rate senza indebitarsi e dall’altra la banca non vuole perdere i suoi denari e si accerta che la cifra erogata le venga restituita maggiorata degli interessi pattuiti. 

Le verifiche che la banca fa su ogni cliente sono sostanzialmente:

  • il reddito annuale; 
  • la continuità lavorativa (da quanti anni lavora);
  • tipo di lavoro svolto (indipendente o subordinato con che tipo di contratto).

Quando manca uno o più di questi requisiti la banca chiede delle garanzie da terzi esempio genitori i fratelli che facciano da garanti, in assenza di questi il mutuo viene negato.

Ecco, con il fondo di garanzia acquisto prima casa, è lo stato italiano a fare da garante, ma vediamo meglio di cosa si tratta e chi può accedere a questa garanzia.

Il fondo di garanzia è un deposito stanziato dallo stato italiano, al fine di garantire il 50% della quota capitale dei mutui erogati per acquisto e relativa ristrutturazione della prima casa.Vorrei precisare che il fondo è legato all'acquisto della prima casa pertanto non è possibile accedere ad esso per i mutui di sola ristrutturazione senza acquisto.

Questo fondo costituito nel 2013, ha riscontrato un certo successo e dalla sua nascita sono state registrate più di quattordicimila domande. Per questo motivo e per dare la possibilità a tanti cittadini di poter accedere ad un mutuo per l’acquisto di  casa che la manovra finanziaria 2020 ha ri-confermato questo fondo, mettendo a disposizione un capitale di ben seicento cinquanta milioni di euro.

Fondo garanzia mutuo sulla prima casa: a chi spetta

Possono accedere al fondo di garanzia, tutti i cittadini che, al momento della domanda, non sono intestatari di altri immobili ad uso abitativo su tutto il territorio nazionale ad eccezione di immobili pervenuti per successione o avuti in comodato gratuito da genitori o fratelli.

Questa agevolazione è riservata a:

  • giovani coppie di cui almeno uno dei due ha meno di 35 anni;
  • famiglie monogenitoriali con figli minori;
  • affittuari di alloggi dello IACP (istituto autonomo case popolari);
  • giovani under 35 con contratto di lavoro atipico.

Come si può vedere da questo elenco sono tutte categorie che senza l’avallo dello stato non avrebbero le garanzie necessarie per accedere ad un mutuo.Per tanto con questo fondo di garanzia sui mutui per l'acquisto della prima casa, lo stato italiano concede a questi cittadini le garanzie necessarie all'ottenimento di un mutuo. 

La garanzia dello stato è limitata ai mutui per:

  • l'acquisto della prima casa da privato;
  • acquisto prima casa che necessita di ristrutturazione o di interventi atti al miglioramento delle prestazioni energetiche;
  • l'acquisto prima casa da impresa costruttrice.

Quali caratteristiche deve avere l'immobile per accedere al fondo di garanzia?

L'immobile per cui viene richiesto il mutuo deve essere ubicato sul territorio nazionale, deve essere un immobili non di lusso, infatti sono esclusi dal fondo gli immobili di categoria catastale A1 abitazioni signorili, A8 ville e A9 castelli e palazzi, e deve essere un immobile ad uso abitativo.

Tassi e importo massimo del mutuo

Il mutuo ipotecario richiesto, per essere garantito dal fondo, deve essere di importo non superiore ai 250.000,00 euro e  deve essere a tasso calmierato, ovvero non superiore ai TEGM (tassi effettivi globale medi). Il mutuo con queste caratteristiche sarà garantito nella misura del 50% del capitale richiesto, per tutta la sua durata (non vi sono limiti di anni).

I TEGM rappresentano il valore medio dei tassi di interesse determinati per ogni categoria di finanziamenti. La banca d'Italia fissa questo valore, meglio conosciuto come tasso antiusura, trimestralmente per conto del MEF (ministero dell’economia e delle finanze) e vigila su banche, istituti di credito e intermediari affinché rispettino questo valore.

Il fondo di garanzia, non può essere richiesto in tutte le banche, ma solo presso gli istituti di credito che hanno aderito al protocollo sottoscritto tra ministero e l’Associazione bancari italiani.

Come anzidetto l’ammontare del fondo messo a disposizione dal MEF, per l'anno in corso, è di 650 milioni di euro, ma questa cifra può essere integrata da contributi regionali e di altri enti fino a raggiungere una cifra complessiva, stimata intorno ai  venti miliardi di euro.

Come chiedere il fondo di garanzia mutuo sulla prima casa

L'elenco delle banche aderenti al protocollo d'intesa fra Ministero dell'economia e l'associazione bancari italiani è disponibile sui siti dell'ABI e della Consap.

Per accedere al fondo di garanzia di un mutuo per l’acquisto della prima casa, il mutuatario deve presentare domanda direttamente presso l'istituto di credito prescelto. La richiesta viene inviata, per via telematica, direttamente dalla banca e può essere presentata solo dopo che la banca stessa abbia eseguito tutte le verifiche ed abbia assicurato l'operatività del cliente. Per la verifica dell’operatività del cliente la banca deve impiegare non più di trenta giorni dal momento che il cliente ne fa richiesta.

Il mutuatario deve compilare un apposito modulo, scaricabile dal sito del MEF o può essere richiesto presso la banca a cui si presenta la domanda, e reperire la documentazione che viene richiesta da allegare al suddetto modulo.

Dopo circa una ventina di giorni dalla presentazione della domanda, la banca, dopo aver esaminato la richiesta, comunicherà al mutuatario l'esito della sua richiesta. 

Nel caso i fondi stanziati siano esauriti e la domanda  respinta,la banca dovrà comunicarlo al cliente che ha presentato richiesta entro i successivi 5 giorni.

Essendo il budget limitato, ed il numero delle domande elevato, ogni richiesta viene contrassegnata da un numero di protocollo con data ora e minuto in cui viene inoltrata la domanda. Questi dati sono indispensabili, in caso di scarsità dei fondi, per determinare chi ha diritto alle agevolazioni in base alla precedenza della domanda.

Dal momento in cui la domanda viene accettata nel giro di un mese verrà erogato il mutuo garantito dallo stato.

Per oggi è tutto! Se hai bisogno di consigli o ulteriori informazioni, non tardare a contattarci.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2020 FairOne S.p.A. - P. IVA 06936210969 
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora