Domanda di mutuo - IV Trimestre 2013

Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile
Chiama
i nostri
consulenti
Affidati a mani esperte

Richieste per tipo di tasso

Livello di analisi I - Richieste di Mutuo/Analisi di fattibilità in fase di pre-istruttoria. Fonte MutuiSupermarket.it, Data Warehouse MSM - sistema di informazioni commerciali che raccoglie i dati relativi ad oltre un milione di preventivi calcolati nei 12 mesi

Anche nel IV trimestre 2013 la domanda rimane fortemente polarizzata sui mutui a tasso variabile e mutui a tasso variabile con il cap che assieme spiegano il 77% delle preferenze dei richiedenti.

Si registra una leggera contrazione delle richieste per mutui a tasso fisso, dal 18% del totale nel III trimestre 2013 al 16% del IV trimestre 2013, da collegarsi alla continua crescita degli indici di riferimento IRS (in aumento dall'aprile scorso) e all'aspettativa di stabilità a livelli ridotti degli indici di riferimento Euribor e BCE (quest'ultimo ridotto allo 0,25% lo scorso novembre 2013).

Richieste per durate

Livello di analisi I - Richieste di Mutuo/Analisi di fattibilità in fase di pre-istruttoria. Fonte MutuiSupermarket.it, Data Warehouse MSM - sistema di informazioni commerciali che raccoglie i dati relativi ad oltre un milione di preventivi calcolati nei 12 mesi

Anche nel quarto trimestre 2013 le fasce di durata fra i 20 e i 30 anni continuano a spiegare ca. l'80% delle preferenze totali.

In un clima di progressiva riduzione delle durate offerte e revisione del pricing al rialzo per i mutui a lunga durata, la durata 30 anni passa a spiegare dal 46% delle preferenze nel IV trimestre 2012 al 27% nel III trimestre 2013.

Questa contrazione va a favore di un aumento di peso della durata 25 anni, dal 17% delle richieste al 31% sullo stesso periodo temporale IV trimestre 2012 - IV trimestre 2013.

Importo medio richiesto

Livello di analisi I - Richieste di Mutuo/Analisi di fattibilità in fase di pre-istruttoria. Fonte MutuiSupermarket.it, Data Warehouse MSM - sistema di informazioni commerciali che raccoglie i dati relativi ad oltre un milione di preventivi calcolati nei 12 mesi

La classe di importo mutuo sotto i 100.000 euro continua ad aumentare la sua rilevanza, dal 39% delle richieste nel IV trimestre 2012 al 44% nel IV trimestre 2013 (+13%).

Tale dinamica è coerente con la situazione di forte crisa economica attraversata dalle famiglie italiane nel corso del 2012 e 2013 che ha spinto a contenere il valore medio dell'immobile oggetto di acquisto e a ridurre ove possibile l'importo della spesa mensile del mutuo.

Richieste per finalità

Livello di analisi I - Richieste di Mutuo/Analisi di fattibilità in fase di pre-istruttoria. Fonte MutuiSupermarket.it, Data Warehouse MSM - sistema di informazioni commerciali che raccoglie i dati relativi ad oltre un milione di preventivi calcolati nei 12 mesi

Continua l'aumento del peso della domanda di mutui con finalità surroga e sostituzione, che passa a spiegare dal 16% del totale richieste nel quarto trimestre 2012 al 20% del totale nel quarto trimestre 2013.

Parallelamente, sullo stesso periodo, il peso della domanda di mutui per acquisto prima e seconda casa si riduce dal 73% al 69%.

Tali dinamiche risultano coerenti con la situazione attuale di crisi economica caratterizzata da un forte rallentamento della domanda di acquisto di abitazioni e dalla necessità delle famiglie di ridurre le proprie spese mensili incluso il costo della rata mensile del proprio mutuo.

Andamento domanda di Mutui

Il numero di domande di mutui sono relative a vere e proprie istruttorie formali.

A partire dal luglio 2013 la domanda ha ripreso a crescere, seppur a ritmi contenuti e altalenanti.

Il dato aggregato relativo al 2013 segna però ancora un -3,6% rispetto al 2012 e sono lontani i livelli pre-crisi.

Andamento erogazioni di Mutui

Fonte Banca d'Italia, Bollettino statistico trimestrale, finanziamenti oltre il breve termine, acquisto abitazioni da parte di famiglie consumatrici, rilevazione al 16/10/2013; nota bene: i dati di erogato pubblicati da Banca d'Italia relativi agli ultimi trimestri possono talvolta subire variazioni in funzione di revisioni consuntivate a posteriori

I dati Banca d'Italia - dopo un 2012 caratterizzato da una riduzione complessiva degli erogati pari al 49,6%, dai 49,2 miliardi del 2011 ai 24,7 miliardi del 2012 - mostrano una contrazione dei nuovi flussi di mutui erogati più contenuta nel corso dei primi nove mesi del 2013, pari a -15,1%.

Le erogazioni di nuovi flussi di mutui alle famiglie sul IV trimestre 2013 sono previste stabili rispetto al 2012 o in leggera crescita; ciò porterebbe le erogazioni totali previste per il 2013 a 22 - 23 miliardi di euro, in contrazione di ca. -8% rispetto all'anno 2012.

Licenza Creative Commons
Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2020 FairOne S.p.A. - P. IVA 06936210969 
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora