Mutui per le case all'asta: cosa bisogna sapere

News mutui
News mutui
Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile
Mutui per le case all'asta: cosa bisogna sapere
Condividi su:
di
Mutui per le case all'asta: cosa bisogna sapere

Sono sempre di più italiani che ricorrono ad un mutuo richiesto per case acquistate all'asta. Chi acquista all'asta deve poter disporre velocemente di tutta la cifra, in genere si ha tempo 90 giorni dall'aggiudicazione. 

In alternativa, si può accendere un mutuo, ma occorre organizzarsi per tempo.

Ovviamente c’è l’aspetto fondamentale: cosa valuta una banca per concedere il mutuo di una casa venduta all'asta?

Come sempre, valuta sia le capacità economiche, finanziarie e patrimoniali del cliente ed in particolare il rapporto tra reddito e rata affinché la rata del mutuo sia sostenibile nel tempo, che il valore dell’immobile oggetto della richiesta del mutuo.

Rispetto alla casa che si acquista privatamente, non c’è differenza nelle tasse da pagare: si paga l’imposta di registro secondo le aliquote prima o seconda casa, a seconda se chi compra ha i requisiti; la base di calcolo è rappresentata dal valore catastale, in caso sia più basso del prezzo di aggiudicazione, se si tratta di abitazione e l’aggiudicatario è una persona fisica.

La legislazione da poco entrata in vigore prevede che a partire dal 1° gennaio 2018, per le vendite all'asta che disporranno i giudici delle esecuzioni, sarà obbligatorio prevedere la gestione dell’asta in via esclusivamente telematica o mista.

Le offerte saranno inviate telematicamente al portale Unico del Ministero e l’asta gestita da piattaforme software create da società che hanno ottenuto dal ministero l’iscrizione come soggetti abilitati. 

Se la selezione dei possibili immobili da comprare diventa sempre più agevole, anche le richieste di mutui finalizzati a questa tipologia di acquisti stanno diventando più facili da gestire.

Per il futuro mutuatario l'iter di raccolta della documentazione, che generalmente avviene due mesi prima della vendita, prevede: il bando di partecipazione all'asta, la propria documentazione anagrafica e reddituale, la perizia redatta da un tecnico, la relazione notarile preliminare, se presente all'interno del dossier dell’immobile.

D’altra parte può risultare molto vantaggioso diventare proprietari di una casa venduta all'asta, perché questo procedimento consente di risparmiare molto rispetto ai prezzi di mercato. 

L’asta immobiliare è una procedura che realizza la vendita forzata di un immobile di proprietà di un soggetto che, a causa di debiti esistenti e non pagati, subisce l’espropriazione del bene. 

Il secondo caso riguarda le aziende che in caso fallimento vedono alienati i propri beni. Il terzo caso riguarda gli enti pubblici: quando decidono di vendere un immobile devono obbligatoriamente farlo attraverso l’asta che garantisce massima trasparenza.

La base d’asta è quella fissata dal giudice dell’esecuzione sulla base della perizia di stima dell’immobile.

È consigliabile visitare l’immobile prima dell’asta anche per rendersi conto di persona di aspetti non menzionati nella perizia, come ad esempio il contesto ambientale, e chiedere informazioni su eventuali situazioni pregiudizievoli. 

Per il trasferimento della proprietà non si deve pagare alcuna spesa notarile poiché l’immobile viene trasferito all'aggiudicatario mediante il decreto adottato dal giudice.

Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2019 FairOne S.p.A. - P. IVA  
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora