Prestito o mutuo?

 

Prestito vs Mutuo in pillole

Ho bisogno di 30.000 euro, cosa mi conviene prestito o mutuo?
Se si ha bisogno dell’importo per l’acquisto casa o si dispone di un immobile libero da ipoteche o diritti di terzi è possibile rivolgersi a uno o più istituti di credito per tentare di ottenere un mutuo, certamente più conveniente rispetto al prestito sotto il profilo dei tassi di interesse. Salvo rari casi, però, le banche proporranno un prestito, riservando la concessione di un mutuo a richieste di importo pari o superiore ai 50.000 euro. Se anche il prestito si caratterizza per tassi di interesse più elevati, non comporta spese notarili né imposte ipotecarie o catastali.

Quando conviene scegliere la cessione del quinto?
Considerando che la cessione del quinto implica la decurtazione del 20% dello stipendio e che può avere durata variabile tra i 24 e i 120 mesi, si tratta di una soluzione conveniente nella misura in cui la somma di cui si ha bisogno dà luogo a una rata sostenibile rispetto alla capacità di reddito del richiedente e compatibile con le esigenze del suo bilancio familiare. Se non ci sono problemi su questo fronte, la cessione del quinto offre anche il vantaggio di non dover gestire il pagamento delle rate, effettuato con una trattenuta a monte dell’erogazione dello stipendio o della pensione. Pur presentando tassi di interesse convenienti rispetto ai prestiti ordinari, implica la sottoscrizione di un’assicurazione per coprire i rischi di perdita dell’impiego o morte del debitore.
Trova il tuo mutuo
Importo mutuo
Durata
Valore immobile

Top 5 Banche per Servizio

MutuiSupermarket Choice
CLASSIFICA BANCHE PER SERVIZIO

Top 5 Mutui Acquisto

MutuiSupermarket Choice
PIÙ RICHIESTI
2
Mutuo a Tasso Fisso BPER - Tasso Fisso
3
Mutuo Domus Giovani – Fondo garanzia ... Intesa Sanpaolo - Tasso Variabile
4
Convenzione Promohigh BNL - Tasso Fisso
5
Mutuo Arancio Fisso ING Direct - Tasso Fisso

Top 5 Mutui Surroga

MutuiSupermarket Choice
PIÙ RICHIESTI
1
Mutuo Domus Fisso Intesa Sanpaolo - Tasso Fisso
2
Prontomutuo Banca Popolare Pugliese - Tasso Fisso
3
Mutuo Spensierato BNL - Tasso Fisso
4
RiMutuo Multi Switch Credem - Tasso Misto
5
Mutuo con Surroga Banco di Sardegna - Tasso Fisso
di | 28 febbraio 2022
Prestito e mutuo ipotecario sono due soluzioni di accesso al credito molto diverse fra loro, tuttavia esistono circostanze in cui è possibile ricorrere a entrambi e in cui la giusta scelta può permettere un consistente risparmio sugli interessi. Proviamo ad analizzare le differenze tra questi due strumenti per capire quando ricorrere all’uno o all’altro.
MUTUO IN PILLOLE
Prestito vs Mutuo in pillole
Ho bisogno di 30.000 euro, cosa mi conviene prestito o mutuo?
Se si ha bisogno dell’importo per l’acquisto casa o si dispone di un immobile libero da ipoteche o diritti di terzi è possibile rivolgersi a uno o più istituti di credito per tentare di ottenere un mutuo, certamente più conveniente rispetto al prestito sotto il profilo dei tassi di interesse. Salvo rari casi, però, le banche proporranno un prestito, riservando la concessione di un mutuo a richieste di importo pari o superiore ai 50.000 euro. Se anche il prestito si caratterizza per tassi di interesse più elevati, non comporta spese notarili né imposte ipotecarie o catastali.

Quando conviene scegliere la cessione del quinto?
Considerando che la cessione del quinto implica la decurtazione del 20% dello stipendio e che può avere durata variabile tra i 24 e i 120 mesi, si tratta di una soluzione conveniente nella misura in cui la somma di cui si ha bisogno dà luogo a una rata sostenibile rispetto alla capacità di reddito del richiedente e compatibile con le esigenze del suo bilancio familiare. Se non ci sono problemi su questo fronte, la cessione del quinto offre anche il vantaggio di non dover gestire il pagamento delle rate, effettuato con una trattenuta a monte dell’erogazione dello stipendio o della pensione. Pur presentando tassi di interesse convenienti rispetto ai prestiti ordinari, implica la sottoscrizione di un’assicurazione per coprire i rischi di perdita dell’impiego o morte del debitore.

Differenze tra mutuo e prestito

Garanzie
La differenza principale consiste nel fatto che la concessione di un mutuo richiede un bene immobile a garanzia del finanziamento, sul quale viene iscritta ipoteca a favore dell'istituto di credito. Il prestito, invece, non richiede alcuna garanzia reale ma solo documentazione comprovante la capacità di reddito del richiedente.

Tassi di interesse
A differenza del mutuo, che offre la possibilità di scegliere tra tasso fisso, variabile, variabile con cap o misto, il prestito prevede solitamente il tasso fisso. L'assenza di garanzie reali e il maggior rischio spiegano perché per il prestito siano richiesti tassi di interesse molto superiori a quelli del mutuo, fino a 6-7 volte superiori.

Importo, durata
Altra differenza rilevante è costituita da importo e durata del finanziamento: nel caso del mutuo, l'importo minimo è solitamente di 50.000 euro (solo in rari casi alcune banche arrivano a valutare mutui di importo fino a 30.000 euro) e la durata va da dai 10 ai 30 anni, anche se non mancano istituti di credito che prevedono la durata di 40 anni per i richiedenti under 36. Nel caso del prestito, invece, l'importo può arrivare a un massimo di 75.000 euro, anche se mediamente varia tra gli 8.000 e i 15.000 euro e la durata non può in alcun caso superare i 10 anni.

Finalità
In generale, è possibile fare un prestito per acquistare una casa, ma il mutuo offre tassi di interesse molto più vantaggiosi ed è sempre la soluzione preferibile, a meno che l'importo di cui si ha bisogno risulti inferiore alla soglia minima dei 50.000 euro, situazione tutt'altro che comune. Generalmente, il prestito può essere indicato per finanziare lavori di ristrutturazione o ampliamento dell’immobile di proprietà, che comportano costi molto più contenuti. Il mutuo, invece, può essere un'ottima soluzione per ottenere liquidità importante a un tasso di interesse conveniente, ma come accennato è necessario disporre di una garanzia reale, vale a dire un immobile di piena disponibilità, senza ipoteche o diritti di terzi. Il mutuo di liquidità è una forma di credito non finalizzata, vale a dire che il richiedente non è tenuto a dichiarare che uso farà del denaro ottenuto, ma molti istituti di credito escludono la possibilità di utilizzare questa soluzione per finalità specifiche quali, ad esempio, il consolidamento debiti o attività speculative, incluso l’acquisto di una seconda casa.

Cessione del quinto
La cessione del quinto è una particolare forma di prestito, riservata a dipendenti a tempo indeterminato di età compresa fra i 18 e i 63 anni o pensionati che non abbiano compiuto gli 80 anni, il cui il rimborso avviene mediante trattenuta diretta di una quota dello stipendio o della pensione, che viene versata direttamente al creditore dal datore di lavoro o dall'ente di previdenza. In buona sostanza, si tratta di un prestito garantito dallo stipendio o dalla pensione del richiedente e che, proprio grazie a questa solida garanzia, permette di ottenere tassi di interesse più vantaggiosi rispetto al prestito classico. La garanzia è rafforzata da un'assicurazione obbligatoria che ha lo scopo di assicurare il pagamento del debito residuo in caso di perdita dell'impiego o decesso del richiedente.

Mutuo o prestito: cosa scegliere?
ImportoEtà richiedenteSoluzione
0-50.00018-63Prestito/Cessione V
0-70.00063-80Cessione V
>50.00018-65Mutuo ipotecario
Trova il migliore mutuo per l'acquisto prima casa Cerca
Trova il tuo mutuo
Mutuo richiesto
  €
Durata
 anni
Valore immobile
  €
Cerca mutuo
© 2010-2022 FairOne S.p.A. - P. IVA 06936210969 
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - MutuiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto – Calcolalo ora